Passa ai contenuti principali

La droga? Nemica. Ma il campione intervistato fa paura




Esiste una bellissima (e alquanto nota) poesia di Jacques Prévert che si intitola "I ragazzi che si amano", di cui sono affascinata (potete leggerla qui). Mi è tornata in mente all'inizio di questo articolo, e ho pensato che si potrebbe sostituire, con uno sforzo di fantasia, la parola "amano" con il vocabolo "drogano". Infatti, proprio come gli innamorati, i drogati appaiono distanti, strani, immersi in una dimensione che non è quella ordinaria, regolare, prevedibile. I tossicodipendenti sembrano emergere dall'ombra della realtà per abitare i limiti della stessa. Eppure, non sono che ragazzi comuni, provenienti da diversi ambienti sociali e da situazioni familiari differenti. Basta entrare in un qualsiasi istituto per incontrarli. Spesso se ne conoscono i nomi, ma ciò che fanno viene riportato quasi come una leggenda, un affare vago di cui non si può confermare la veridicità, a meno di non assistere personalmente all'evento. Perlopiù, questi ragazzi fumano canne, fanno uso di hashish e marijuana e alcuni integrano queste già pericolose sostanze con la codeina (ndr oppiaceo usato come analgesico, cioè per rimuovere il dolore).
Mi chiedo se siano consapevoli della loro scelta, se si rendano conto degli effetti a lungo termine quanto di quelli immediati, se vi sia qualcosa che li spinga a farlo o se lo facciano per noia. Mi chiedo se si sentano in colpa o, al contrario, invincibili. Mi chiedo se per loro sia un problema morale. 
Per cercare di rispondere a queste domande, ho cercato l'opinione dei ragazzi, sia attraverso un sondaggio online sia tramite il dialogo con alcuni di loro. Da un quadro generale, su un campione eterogeneo di cinquanta unità, è emerso che metà delle persone intervistate ha fatto o fa uso occasionale di marijuana e hashish, alcuni invece ne abusano frequentemente e solo pochissimi assumono queste altre sostanze ogni giorno. 
È presente una tendenza favorevole alla legalizzazione delle droghe cosiddette "leggere", mentre è unanime la condanna di quelle definite "pesanti" (cocaina, eroina ecc.). Tra le risposte che ho ricevuto, vorrei riportare questa: «Secondo me, la legalità è un discorso distinto dal fatto che una sostanza sia nociva. Non è giusto che, per delle scelte personali, una persona entri in contatto con l'illegalità». L'anonimato che ha protetto chi ha espresso questa osservazione all'interno del sondaggio
non mi permette di risalire al suo autore, ma lo ringrazio, perché mi consente di prendere in considerazione, invece, la dimensione personale di chi sceglie, più o meno consapevolmente, di assumere sostanze stupefacenti. 
I motivi che vengono riconosciuti quali causa delle insane somministrazioni sono vari: la noia, la voglia di trasgressione, la moda, la ricerca del divertimento, la curiosità, un semplice momento di relax. Ma, oltre questi, il motivo principe individuato dai ragazzi è il disagio personale. Questo mi ha stupita, perché non coincide con la visione della droga quale piacere  ricreativo. Comunque, prendendo in esame questo aspetto, si può notare la differenza tra due tipi di tossicodipendenti: il dipendente da nicotina e quello da cannabinoidi. Il primo trova nella sigaretta un palliativo per l'ansia; il secondo va in cerca di qualcosa che possa aiutarlo a superare le difficoltà quotidiane. Ricordo un ragazzo che, molto candidamente, disse: «Mi sono fatto una canna, perché non sapevo come affrontare una situazione ». Ciò che cercava era il coraggio, ma la sua idea di coraggio era errata: escludeva, infatti, la paura dell'ignoto e del fallimento. 
Arrivati a questo punto, la questione sulla liberalizzazione e la legalizzazione delle droghe non sembra più così interessante. È importante, ma non è fondamentale; infatti, non tocca il cuore del problema. Io posso seminare brevi informazioni sulle sostanze stupefacenti. Posso scrivere che la THC, componente attiva della cannabis, può provocare danni cerebrali a lungo termine; che gli oppiacei, come l'eroina, conducono rapidamente alla dipendenza perché l'organismo si dimostra immediatamente tollerante; che le anfetamine sono neurotossiche e bruciano i neuroni (ndr i neuroni non ricrescono più, una volta distrutti). Posso riportare, ancora, tutti gli effetti devastanti delle droghe, ma la paura di vivere verrebbe, solo per un attimo, sopraffatta da un fugace timore di morire. 
Gli adulti, che hanno molto sofferto, che hanno fallito innumerevoli volte, che sono stati molto umiliati, derisi e disprezzati, non possono instillare il raggiunto coraggio a tutti gli adolescenti che trovano una risposta nella dipendenza (di qualsiasi natura essa sia). Ma possono offrire l'esperienza del loro fallimento come garanzia di una vita vissuta con successo. Non è la caduta a compromettere l'animo, ma il non sapersi rialzare: questo messaggio va trasmesso. I ragazzi che si drogano, per dirla alla Prévert, "sono altrove molto più lontano della notte" e hanno le nostre stesse caratteristiche: necessitano, però, di un esempio che sappia ispirarli  e allontanarli dalle tenebre (notturne) dell'assuefazione. 

Valentina Nanni
(ultimo aggiornamento: 03/01/2018, ore 17:49).



Autrice: Valentina Nanni è una studentessa liceale. Coltiva la passione per la scrittura e la lettura. Di carattere riflessivo, è un'arguta osservatrice dei fenomeni giovanili. Questa inchiesta è il suo primo articolo in Eulogos.
In copertina: progetto grafico, colori e realizzazione a opera di Alessia Puggioni.
Disclaimer: i dati del sondaggio citato sono veritieri, cioè sono stati esposti i risultati effettivamente ottenuti, ma non è stato determinato chi abbia risposto veritieramente, chi falsamente.

Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Posta un commento

Il tuo commento, prima di essere pubblicato, sarà valutato da Eulogos.

Post popolari in questo blog

DIARIO DI UN MUSICISTA Il De Castro al Teatro Lirico di Cagliari, gli studenti: «Abbiamo vissuto un sogno a occhi aperti»

Domenica diciassette dicembre, un gruppo di ragazzi del Liceo Classico De Castro, di cui facevo parte anch'io, accompagnati da alcuni professori, è partito nel primo pomeriggio da Oristano alla volta del Teatro Lirico di Cagliari, per assistere al balletto “Il lago dei cigni”, ideato dal compositore russo Petr Caikovskij.

Composta tra il 1875 e il 1876, l’opera, divisa in due  atti, racconta la storia d’amore fra il principe Siegfried e una fanciulla, Odette. La trama del racconto, a grandi linee, è presto detta: il principe Siegfried, che l'indomani avrebbe dovuto decidere al Ballo di Corte la sua futura sposa, andato la notte prima nel bosco a cacciare, conosce nei pressi di un lago una bellissima ragazza di nome Odette, e se ne innamora, ricambiato. La giovane, insieme ad altre fanciulle, è sotto l’incantesimo del perfido mago Rothbart, che le costringe a essere cigni durante il giorno per poi farle tornare umane di notte. Odette spiega al principe che il maleficio potrà …

Autogestione al De Castro: siamo davvero sicuri che sia utile?

Dal 19 al 22 dicembre, presso il nostro liceo, si è svolta l'autogestione. I motivi che hanno indotto gli studenti a questa forma di protesta sono stati diversi, ma i più rilevanti i seguenti: il problema dei trasporti ARST (che interessa gli studenti pendolari, molto numerosi nelle nostre aule) e quello dell'alternanza scuola - lavoro (che riguarda, invece, gli alunni del secondo biennio e del quinto anno). In tal senso, lunedì 18 dicembre, durante le prime due ore, in previsione dell'autogestione, si è tenuta, nei locali della palestra, un'assemblea straordinaria, guidata dai due rappresentanti d'istituto, Andrea Putzu e Francesco Riccio. Per una visione più chiara sulle criticità contro cui gli studenti avrebbero dovuto protestare, Putzu e Riccio hanno deciso di invitare i membri dell'associazione nazionale Eureka; questi ultimi, difatti, hanno esposto la Controcarta dei diritti degli studenti in alternanza scuola - lavoro, cercando di far acquisire ai loro…

È nato Εὔλογος: un giornalino che dà voce agli studenti del De Castro di Oristano

È nato Eulogos, il giornalino scolastico, redatto da un gruppo di studenti del Liceo Classico S.A. De Castro di Oristano. Eulogos, in greco antico, significa giusto e ragionevole. La nostra ambizione è quella di diventare  un giornalino con queste qualità. Gli obiettivi sono perseguiti per mezzo di una redazione eterogenea composta di dieci persone, provenienti sia dalle aule del liceo, sia da quelle del ginnasio. Il nostro desiderio è quello di essere la voce autorevole del mondo studentesco del De Castro di Oristano, in tutta la sua completezza.  Ci serviamo di mezzi moderni (i social e il blog), senza uscire dal solco di una tradizione scolastica di comprovata efficacia (il cartaceo, con 3 pubblicazioni annuali). Non rappresentiamo testata giornalistica, in quanto questo sito viene aggiornato senza alcuna periodicità ed è a fini educativi e formativi (in poche parole, nessun collaboratore, direttore incluso, riceve compenso per quest'attività volontaria con valore didattico). Al…